Pinterest

"Inchioda i tuoi interessi. E condividili".
Ecco il mio slogan per Pinterest.
Il neologismo nasce dalla contrazione dei sostantivi inglesi pin (appendi, ferma) e interest (interesse). Il social network è una sorta di "galleria d'arte digitale", dove il responsabile dell'allestimento sei tu.
Gusto estetico, ispirazione, creatività e coerenza sono doti necessarie per organizzare i contenuti in bacheche (boards) originali.
L'immagine è il tema centrale del "museo-nline", ma è meglio individuare un filo conduttore e integrare con spiegazioni, descrizioni, approfondimenti.
Di solito nella sala di Raffaello non trovi Wharol; ma Pinterest ti dà la possibilità di scatenare la tua fantasia e cercare connessioni poco scontate. 
La parola d'ordine nel social è sempre interazione.
 
Il termine Pinterest ci piace per 4 buoni motivi:
  1. contiene il prefisso pin: se non impari il codice, non entri
  2. include la parola interest: se non ce l'hai, non puoi condividerlo
  3. ricorda il termine pin-acoteca, derivato dal greco πίναξ ("quadro, tavola") e θήκη ("scrigno, ripostiglio"): il luogo dove si custodiscono opere d'arte dipinte
  4. richiama le mitiche pin-up statunitensi degli anni '40, fotografate in costume e appese (to pin-up) dai soldati in tende e armadietti. Dive come Batty Grable, Rita Hayworth, Greta Garbo e Marilyn Monroe hanno inziato così la loro fulgida carriera. 
 
 
 
Fonti:
Wikipedia - Enciclopedia Online - Pinterest, Pin-up, Pinacoteca
Visual:
sensesofcinema.com